L’asilo delle mamme e dei papà

L’asilo delle mamme e dei papà

Tutti hanno bisogno di un asilo. Di un luogo sicuro, caldo accogliente. Non solo i cuccioli. Spesso da grandi ne abbiamo bisogno ancora di più. A volte ancora sogno di andare al liceo e di dirmi, nel letto…”Oggi non vado a scuola e domani porto la giustificazione…” Poi metto a fuoco e… “Oddio, la maestra sono io, mi devo proprio alzare”.

Read more

Una scuola a misura di bambino

Alma fa la seconda elementare. Nella sua scuola si entra, si gioca all’aperto con gli amici, POI si va in classe. La lezione inizia cantando. Canzoni che a sentirle mi vengono ogni volta i lucciconi. Tratte da storie di santi, da tradizioni religiose, pagane, storiche. Canzoni che parlano di quanto sia preziosa la vita in tutte le sue sfaccettature. Storie che resteranno nel cuore di Alma e dei suoi compagni come piccoli semi da cui non potranno che germogliare amore, fiducia, rispetto. Della sua prima pagella vi avevo già scritto, ma l’emozione che provo ogni volta che la guardo nel suo bel quadretto vicino al camino non ve la so spiegare. Questa è la scuola che desideravamo per lei.
Un posto dove potesse sentirsi al sicuro, amata e mai giudicata. Dove poter cantare, respirare all’aria aperta, muoversi in libertà.

Un luogo in cui imparare senza doversi uniformare ad un programma prestabilito.
 In una scuola “normale” a dicembre (o giù di lì), secondo il protocollo, i bambini dovrebbero iniziare a leggere. Alma a dicembre dello scorso anno doveva ancora compiere 6 anni e di leggere non aveva il minimo interesse. A maggio, mentre eravamo in macchina,  ha preso in mano un libro ed ha iniziato a leggere mentre guidavo facendomi rischiare un incidente oltre che l’infarto per l’emozione, visto che piangevo mentre sua sorella urlava “Alma sa leggereeeeee!!!” e Pepe batteva le  mani tutto contento per quella botta improvvisa di entusiasmo generale.
Una scuola che parta dall’osservazione di queste meravigliose creature per poterle accompagnare per mano e secondo i loro tempi.  Questo cercavamo. Perché questo è ciò che meriterebbe ogni bambino. Imparare dovrebbe essere un desiderio, un’avventura, una meravigliosa scoperta. La scuola non può e non deve diventare un luogo che co-stringe fisicamente ed emotivamente i bambini. Perché stare chiusi in un luogo insegna a stare chiusi in se stessi. Essere al passo col programma a tutti i costi, insegna a non ascoltare ciò di cui si ha realmente bisogno. Siamo abituati a preoccuparci dei risultati piuttosto che dei percorsi, della produttività e dell’efficacia, piuttosto che che della gioia e della creatività. Ma tutto questo è  estremamente ingiusto. L’ho imparato sulla mia pelle di adolescente  quando al liceo mi sentivo in gabbia. Sulla mia pelle di educatrice quando vedevo che le regole calate dall’alto creavano solo attriti, bambini infelici e adulti frustrati. Per fortuna da mamma ho saputo cercare, ho avuto il coraggio di non accontentarmi, di non cedere alla logica del “così fan tutti” ai ragionamenti preconfezionati, alla paura di sbagliare. Quello che abbiamo trovato è una scuola in cui i bambini possono avere le giuste attenzioni, un’atmosfera amorevole, spazio per giocare, nessun giudizio che li ingabbi.
Una scuola così è un tesoro prezioso. E richiede attenzione e partecipazione. Si deve trovare sempre il modo di sostenerla, di alimentarla, di aiutarla a crescere. Perché purtroppo (o forse per fortuna) è una realtà che non si mantiene da sola. I maestri sono “volontari”  e sta alle famiglie trovare un modo per  ri-pagarli del meraviglioso lavoro che svolgono. E anche se la nostra riconoscenza e il nostro amore nei loro riguardi sono forti come un uragano, i nostri contributi non arriveranno mai a creare uno stipendio degno di questo nome.  Forse solo perché siamo ancora poche famiglie.  Ma io sono certa che questa è la scuola che voglio e ce la metterò tutta per garantire ai miei figli di poterla frequentare. Per questo si è costituito un comitato di volontari (al momento quasi tutti genitori dei bambini frequentanti) per organizzare iniziative, feste, laboratori e raccogliere così i fondi necessari. La prima sarà la Festa di San Martino. Ma io credo che ce ne saranno molte altre. Vi terrò aggiornati, così potrete accorrere numerosi!!!

Secondo incontro in-formativo di Mammapancia

Secondo incontro in-formativo di Mammapancia

Sabato scorso abbiamo parlato di allattamento materno e auto-svezzamento. Come ogni volta che incontro neo-genitori, sono tornata a casa emozionata e piena di voglia di fare. Perché una vita che inizia è una promessa di bellezza e di poesia, per me. Guardare negli occhi genitori desiderosi di conoscere, di ascoltare senza farsi bloccare dai pregiudizi, con la voglia di mettersi in gioco per dare ai loro figli il meglio, per me è una sensazione inebriante. Come accogliere a questi incontri chi di figli carnali non ne ha, ma che si prende cura di quelli degli altri, lasciando in ognuno di loro una briciola del proprio cuore. Grazie a tutti quelli che ci sono stati fisicamente, a chi ha sbagliato giorno e non è venuto, a chi voleva esserci ma non ha potuto.
E per tutti una sintetica ma (spero) efficace bibliografia:

L'arte dell'Allattamento Materno
Autori Vari

Voto medio su 5 recensioni: Da non perdere

Allatti Ancora?
Un Dono per Tutta la Vita - Libro

Voto medio su 7 recensioni: Da non perdere

Tutte le Mamme Hanno il Latte

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Io mi Svezzo da Solo

Voto medio su 17 recensioni: Buono

Svezzamento, Passo dopo Passo
Autori Vari

Voto medio su 1 recensioni: Da non perdere

Il Mio Bambino Non Mi Mangia - Libro

Voto medio su 12 recensioni: Da non perdere

I prossimi due incontri (previsti per sabato 26 aprile) sul  senza pannolino dalla nascita e sull’importanza del portare i bimbi, sono stati posticipati a domenica 27, all’interno della Fiera di Primavera, di cui presto vi parlerò più approfonditamente. La sede sarà l’agriturismo Rodrigo De Vivar a Ostia Antica. Un abbraccio a tutti voi, anime belle.

Un nuovo spazio per le mamme e i papà.

Percorso di incontri per mamme e papà
di bimbi da 0 a 3 anni
“Crescere insieme a nostro figlio
da 0 a 3 anni”
224200_10152232780608912_1060954859_n
 per informarsi e confrontarsi insieme
sui bisogni e sui temi della crescita dei figli
Sabato 1,15 e 29 marzo e
sabato 12 aprile
dalle 10 alle 12
Gli incontri saranno condotti da psicologi/e e psicoterapeuti/e dellIstituto per la Prevenzione del Disagio Minorile(I.P.D.M.)
e si terranno presso l’asilo nido L’Emilio in Via B. Molajoli 66 all’interno del Parco della Madonnetta
Info e iscrizioni:
·       Segreteria de “L’Emilio” 06.52169061
·       Segreteria I.P.D.M. 06.90212566 (lunedì e venerdì h.15/18)

·         Dott.ssa Cristina Tardani 339.6403556

Il costo totale dei quattro incontri è di
75 euro a persona
110 per le coppie