Tess Asplund

Tess Asplund

Il titolo di questo post è per te.

Per te che non potevi sopportare tanta assurda idiozia e ristrettezza mentale e sei scesa a dirglielo in faccia semplicemente guardandoli.

Grazie.

Perché di persone coraggiose non ce ne sono mai abbastanza.

E di donne che sappiano far risplendere la loro parte autentica e selvaggia neanche.

Abbiamo dimenticato la fierezza dell’essere su questa terra, abbiamo perso la grandezza del nostro passaggio, abbiamo dimenticato quanto sia prezioso e fondamentale il segno che ognuno di noi lascia attraversando il breve lasso di tempo della propria vita.

E’ un soffio e già siamo oltre la metà. Ma ci sono tracce che attraversano le vite di generazioni.

Tess di sicuro arriverà ben oltre la data della sua morte.

E ognuno di noi può farlo.

Ogni volta che onoriamo noi stessi e la nostra vita, celebriamo l’universo intero.

Credo che sia solo questo quello che possiamo fare perché il nostro esserci sia una celebrazione di questo dono meraviglioso che è la vita.

Ogni volta che non lo facciamo, perdiamo un’occasione di rendere noi stessi (e il mondo) migliori.

Me lo ripeto come un mantra, ora che ho deciso di attraversare il mio dolore.

La mia fede nel miracolo della vita mi spinge sull’orlo del precipizio nel quale mi tufferò.

Non sarà un salto nel vuoto, sarà un tuffo nelle mie stesse braccia, sorretta dal pilastro più solido che si possa avere come appiglio: l’amore.

Attraversare tenebrosi timori, per liberare un dolore antico che è il momento di curare.

Mi sembra di vederlo, come un animale in gabbia che stremato scalpita, in cerca della libertà.

Sfinito dalla prigionia, arrabbiato per il lungo isolamento, cerca solo uno spiraglio di luce in cui dissolversi.

Sarai presto libero. E con te lo sarò anch’io.

“La paura bussò alla porta.

Il coraggio andò ad aprire.

Dietro alla porta non c’era nessuno”

Amen.

 

 

Dichiara pace

Dichiara pace
Dichiara pace con il tuo respiro.
Inspira uomini d’arme e d’attrito, espira edifici interi e stormi di merli dalle ali rosse.
Inspira terroristi ed espira bambini che dormono e campi appena falciati.
Inspira confusione ed espira alberi di acero.
Inspira quanto è caduto ed espira amicizie di tutta una vita ancora intatte.
Dichiara pace con il tuo ascolto: quando senti sirene, prega ad alta voce.
Ricorda quali sono i tuoi strumenti: semi di fiori, spilli da vestiti, fiumi puliti.
Prepara una minestra.

Read more

I portatori di sogni

I portatori di sogni
In tutte le profezie
sta scritta la distruzione del mondo.
Tutte le profezie raccontano
Che l’uomo creerà la propria distruzione.
Ma i secoli e la vita che sempre si rinnova
Hanno anche generato una stirpe di amatori e sognatori;
uomini e donne che non sognano la distruzione del mondo,
ma la costruzione di un mondo pieno di farfalle e usignoli.
Già da bambini erano segnati dall’amore.

Read more

Che l’onda ci travolga

Dal’ultimo post accadono prodigi. Possono sembrare piccolezze ma a me fanno venire i brividi sul collo e mi risistemano l’asse di questo mondo alla rovescia.
Mi arriva un messaggio con questo 

Dedicato a te Giordana

E poi questo post. Quindi ho aggiunto questa pagina. E allora daje. Che tutti insieme lo raddrizzamo noi questo mondo alla rovescia. Praticate gentilezza a casaccio e poi raccontiamolo in giro. Magari si sparge la voce, magari qualcosa inizia a cambiare, magari parte la ola…che l’onda ci travolga tutti!!!

Come quercia nel vento

Sono tante le emozioni che mi frullano dentro…
sarà l’accelerazione della terra come dice una mia sorella di altri tempi, 
sarà il distacco progressivo e prepotente da un progetto lungo una vita, 
sarà l’inizio di una nuova sfida, 
sarà semplicemente una lieve sindrome pre-mestruale di cui non ho mai sofferto…
io proprio non lo so. 
So che mi sento come  quando andavo a messa da bambina e  proprio non capivo 
perché dovevo stare a sentire tutte le domeniche le stesse parole (che ormai sapevo a memoria) 
in quel posto freddo e inodore 
quando l’aria fuori era fresca e il paese era tutto profumato di pizza cotta a legna e di camini accesi.
Mi sento così smodatamente viva e in subbuglio che 
il modo intorno mi appare come chiuso in una bolla. 
Mi sembra di guardare quelle sfere piene d’acqua che a capovolgerle si vede scendere la neve. 
Mentre il cuore nel petto mi ribolle e nella pancia infuria la tempesta. 
Avrei mille cose da dire e non riesco a metterle in fila. 
I miei pensieri sono come valigie che si riempono e si svuotano, 
come onde del mare che vanno e che tornano. 
Troppo pieni di altre mille presenze ancora, un traffico di idee ingarbugliate come il traffico del raccordo nell’ora di punta. 
Innumerevoli piccole autovetture piene di altrettanti minuscoli esserini ricolmi di cuori traboccanti e di deliranti pensieri. 
Ogni più piccola parte di me è infinitamente abitata. 
Di amore, di tristezza, di brulicante e incontenibile vita. 
Non c’è un dove, non c’è un come, non esiste un perché.
 Le mie radici pulsano, la mia forza dà luce alle mie ali. 
Stanotte, in questo silenzio ovattato, celebro tutto ciò che l’universo mi ha donato.
 Immensa è la mia gratitudine.
E come quercia nel vento beatamente sto.

Credo nelle cose tangibili

Credo nelle cose tangibili,
quelle che mi toccano ogni giorno:
la gioia dei bambini,
la forza dell’amore,
la sublime unione di anime gemelle,
l’eterno legame tra fratelli e sorelle,
gli incontri in cui ci si ri-trova,
la bellezza della natura tutta.
Credo che tutto ciò che di prezioso possiamo costruire
abbia bisogno di impegno costante, di dedizione, di presenza, di pazienza, di amore.
Che ognuno di noi, ogni giorno, possa migliorare sé stesso, 
anche se a volte il  cambiamento ci sembra impercettibile.
Credo nelle piccole realtà,
quelle in cui ci si può guardare tutti negli occhi,
almeno una volta al giorno.
Credo nella potenza degli abbracci,
nella magia degli sguardi, 
nei legami indissolubili.
 Credo che sia meglio 
seguire la propria strada che la corrente,
i propri principi che la prassi,
l’ispirazione piuttosto che i protocolli.
Credo che tutto questo
 a volte sia scomodo,
ma che sia una grande opportunità.

Credo nel miracolo della vita,
e nel profumo che lascia sui cuccioli di ogni specie.

Da figlia, 
ho imparato che
 i genitori lavorano per prendersi cura della famiglia, 
non per sfuggirle.
Da madre, 
sto imparando a difendere la mia famiglia dagli attacchi del lavoro,
della burocrazia, dell’ingiustizia legislativa imperante.
In questo Paese di furbetti e ruberie mi sento davvero fuori luogo
ma ne sono fiera. 

Groviglio emozionale

Più che letargo, trattavasi di coma. Fossi stata malata sarebbe stato farmacologico, invece era da sonno o, per dirla meglio, da eccesso di attività. Ogni sera mi spengo e non riesco a scrivere. Ma stasera no. Sarà che mi brucia lo stomaco e le lacrime in saccoccia traboccano. Ma non è che io stia male. Certo sono un pò stanca. Di persone che parlano senza ascoltare. Di quelle che non rispondono ai messaggi, della brutta abitudine di non dirsi “buongiorno” o di guardare strano chi saluta con naturalezza. Un tantino mi repelle sentire persone che vomitano le  loro frustrazioni sui buoni propositi e sui progetti degli altri, sentendosi  migliori. Mi disturba profondamente chi  lavora senza amore. Chi c’è fisicamente, ma emotivamente no. Mi dispiace non avere nel cuore la tolleranza che mi renderebbe tutto questo meno fastidioso. Sono colpita…dalla sordità di chi non vuol sentire ma continua a fare le stesse domande, dalla cecità di chi è fermo nel suo ruolo di figlio e cerca altrove la causa del proprio malessere, da chi corre sempre come un criceto sulla ruota, da chi sussurra tra i denti e non parla guardando negli occhi. Forse dipende dal fatto che tante cose stanno accadendo e si  trasformano tra le mie mani, come quando i bambini tirano fuori dalla creta dinosauri, cuori e milioni di altre magie. Pensando ai bambini e ai loro inalienabili diritti mi commuovo fino alle lacrime.
Il mio Dio è lì: nel miracolo che sono. Nel profumo dei loro sguardi soddisfatti. Nei sonagli delle loro risate. Nei loro salti di gioia, nelle loro lacrime dolci e nelle loro scuse sincere.
Perché ci fermiamo così poco a riflettere su quanto la nostra cultura sia mortificante per gli adulti di domani? Perché la maggior parte dei genitori non si batte per avere una scuola, una città, un mondo più a misura di bambino? Possibile che siamo così anestetizzati, così inquadrati, così ordinatamente in fila?! E abbiamo pure beccato la fila sbagliata!!!!! Quella che primaimparimeglioè, quella che i cattivi si scrivono alla lavagna, quella che chi arriva primo è bravo.
Scusate, stasera mi sfogo così. Preferivate quando mi addormentavo eh?! Stasera v’ha detto male.
Sono resuscitata dal coma. Proprio stasera. Forse perché domani, di 38 anni fa, venivo alla luce, dopo essere riuscita a stravolgere tutti i piani dei miei genitori. Fagotto inaspettato, portatore di grande scompiglio (e innumerevoli rotture di xxglioni).
Chissà se dopo tanti anni mia madre fa ancora come me, che ad ogni compleanno di un figlio sto lì a rivivermi tutti i passaggi del travaglio e della nascita. Chissà se lo farò ancora, io, tra trent’anni.
Ok ho finito. E non vi azzardate a dire che l’ho fatto solo per gli auguri. Quelli no, ma un regalo ve lo chiedo:

Che questo Paese ne ha davvero bisogno.
E pure io.